social-media_marketing-

Self Marketing: come costruire un CV di successo?!

L’attuale crisi economico-finanziaria sta facendo addirittura incrementare l’importanza del self-marketing, soprattutto per i giovani appena appena usciti da università e centri di formazione. Il consiglio è allora prima di tutto quello di costruire un set di competenze personali coerenti, facendo esperienze su uno o pochi temi di interesse che permettano di presentarsi come piccoli specialisti in un campo determinato. Inoltre è importante dare vita ad un cv di forte impatto grafico e comunicazionale, che riesca a trasmettere efficacemente gli interessi soggettivi.

Ormai circa il 40% delle aziende cerca risorse tramite il web, ad esempio attraverso  alcuni siti dove l’aspirante lavoratore non può mancare l’iscrizione (infojobs, jobrapido, monster) e il curriculum vitae non deve annoiare.

Questo infatti non dev’essere un mero elenco delle esperienze lavorative, al contrario deve catturare l’attenzione e dare subito una impressione folgorante delle proprie competenze.

Coerenza è la parola magica. E reputazione. È difficile infatti migliorare la propria reputazione in rete, web reputation, se compromessa. La rete è il biglietto da visita di questa era globale. Le Risorse Umane  cercano in rete informazioni riguardo ai candidati, leggono i loro blog, guardano le loro foto, intuiscono dai gruppi o dalle pagine piaciute i reali interessi, la vita parallela a quella lavorativa.

Occorre essere attivi, bisogna aggiornare continuamente tutto quanto è stato aperto nella rete. Poi, nella più estesa rete professionale (LinkedIn, più di centocinquanta milioni di iscritti), dove non bisogna mancare, va messa una immagine profilo in primo piano, evitando situazioni goliardiche; va ottimizzato l’URL del profilo; va reso visibile a chiunque, com’è ovvio; vanno inclusi i link ad altri siti che lo riguardano. Se si sceglie Twitter si sta evidenziando la propria capacità di conversare in tempo reale, ma bisogna essere accorti e dire cose intelligenti soprattutto. Se si sceglie Facebook va settata un po’ la privacy.