personal-development-plan-template

Dipendende tutto da te!

“Chi lotta può essere sconfitto, chi non lotta ha gia perso”.

Questa visione di quello che potremmo pensare prima di agire porta a riflettere su come ci poniamo di fronte alle problematiche e ci ricorda che in realtà il problema non è il problema in sè per sè ma l’atteggiamento che abbiamo di fronte al problema. Questa è la piccola differenza che si interpone tra una sicura sconfitta e una possibile vittoria.

Julio Velasco leggenda dello sport afferma che la vittoria ha diverse facce. C’è la vittoria più visibile, quella contro gli avversari. Poi quella contro le difficoltà esterne, le circostanze. E infine la più importante, contro noi stessi e i nostri limiti. Nessuna delle tre può essere raggiunta senza idee e con la lamentela. Non riuscire a vincere le difficoltà porta a quella che lui definisce la “cultura degli alibi”, cioè il tentativo di attribuire il motivo di un nostro fallimento a qualcosa che non dipende da noi.

Concentrare la colpa su un avvenimento “esterno” scaricandosi dalle responsabilità non è sinonimo di crescita e di assimilazione dei comportamenti da non ripetere.
Inoltre si elimina la possibilità di utilizzare il feedback, che sta alla base dell’apprendimento.
Così come afferma il modello della Johari Window nel quale si evince come per migliorare noi stessi abbiamo assolutamente bisogno di quello che è il ritorno dall’ambiente per ridurre la “zona cieca” ovvero quella parte delle nostre conosenze che possono essere ampliate sfruttando quello che gli altri percepiscono di noi e ci comunicano.
L’ambiente nel quale siamo immersi e del quale facciamo parte è lo specchio dell’anima e quello che riflette non è nient altro che quello che siamo.
Non c’è situazione, in cui siamo coinvolti, nella quale non abbiamo la possibilità di poter interagire con essa e non è una questione di cosa potrebbe accadere ma di cosa si può fare per farlo accadere. Cominciare a pensare in maniera proattiva mettendosi continuamente in discussione e non farsi guidare solo dal risultato innescando un circolo virtuoso che crea valore per sè e per gli atri.

Watch your thoughts, for they become words
Watch your words, for they become actions
Watch your actions, for they become habits
Watch your habits, for they become character
Watch your character, for it becomes your destiny
What we think, we become ! [Margaret Thatcher]

Essere sempre consapevoli che sè solo osserviamo una situazione stiamo interagendo con essa, condizionandola, è il primo passo per comprendere che siamo noi a decidere in quale direzione vogliamo andare e tutto dipende dalla nostra volontà.

Questo è il mio pensiero costante e sono felice di aver incontrato un docente come Gianluca Sabatini che nel corso della sua lezione sulla Personal Leadership tenuta durante il periodo di formazione di JC25 ha dato risonanza al mio pensiero e a quello in cui credo fermamente. Impegno e dedizione pagano sempre!

Vincenzo Squillante